come capire quando le crepe nei muri sono pericolose

Crepe nei Muri: Pericolose o Semplicemente Antiestetiche? Come Capirlo e Cosa Fare

Crepe nei Muri: Pericolose o Semplicemente Antiestetiche? Come Capirlo e Cosa Fare

Cos'è una crepa nel muro?

Le crepe nei muri sono fessurazioni che possono comparire sia all'interno che all'esterno di un edificio. Possono essere sottili come un capello o larghe alcuni centimetri, e possono avere differente orientamento (verticale, orizzontale o inclinato).

Quali sono le cause delle crepe nei muri?

Le cause delle crepe nei muri possono essere diverse e non sempre sono indicative di un problema strutturale grave. Alcune delle cause più comuni sono:

  • Assestamento dell'edificio: Nei primi anni successivi alla costruzione di un nuovo edificio oppure ad interventi di ristrutturazione con importanti modifiche strutturali, i terreni di fondazione subiscono un progressivo assestamento nel tempo. Questo può causare la formazione di crepe nei muri che se, come normalmente avviene, tendono a stabilizzarsi col passare del tempo non devono destare preoccupazione;
  • Dilatazioni termiche: Anche i materiali da costruzione sono soggetti a variazioni di volume (dilatazioni e contrazioni) al variare della temperatura. Questo fenomeno può causare la formazione di crepe nei muri, che in genere sono sottili e non destano preoccupazione;
  • Umidità: l’acqua di precipitazione penetrando nei muri attraverso crepe o fessure può causare il progressivo aggravamento delle stesse e la formazione di nuove crepe. Altresì l’umidità di risalita presente nelle murature, non impermeabilizzate correttamente alla base, può generare il deterioramento delle strutture con danneggiamenti delle finiture e delle murature stesse;
  • Scarsa qualità dei materiali da costruzione: Se i materiali da costruzione impiegati nelle costruzioni sono di scarsa qualità oppure messi in opera in modo scorretto, queste possono essere maggiormente soggette a fenomeni di fessurazione.
  • Cedimento del terreno: Il cedimento del terreno di fondazione a seguito di scarsa capacità portante oppure mutamento delle condizioni di umidità al suo interno, determina frequentemente gravi crepe nei muri. Nei casi in cui il cedimento non è omogeneo, si producono cedimenti differenziali e fessure che col passare del tempo evolvono, allargandosi, approfondendosi ed aumentando di numero.
come si formano le crepe nei muri
Come si formano le crepe nei muri? A causa del cedimento del terreno di fondazione

Come riconoscere una crepa pericolosa?

Non tutte le crepe nei muri sono indicative di un problema strutturale grave. Tuttavia, è importante saper riconoscere le crepe pericolose per poter intervenire tempestivamente. Alcune caratteristiche che possono indicare una crepa pericolosa sono:

  • Larghezza: Le crepe pericolose sono generalmente più larghe di 1-2 millimetri.
  • Profondità: Le crepe pericolose oltrepassano gli strati di finitura superficiali delle murature (intonaco, rivestimenti, ecc…) ed arrivano ad interessare la struttura muraria sottostante (blocchi, calcestruzzo, ecc..).
  • Movimento: Se la crepa si allarga o diventa più profonda nel tempo, è probabile che sia pericolosa.
  • Posizione: Le crepe pericolose si trovano spesso in zone particolarmente sollecitate dell'edificio, come angoli, intersezioni tra muri o in prossimità di aperture (porte e finestre).
  • Altri segni di danneggiamento: Se la crepa è accompagnata da altri segni di danneggiamento come soglie di porte o davanzali di finestre spezzati, apertura/chiusura difficoltosa di serramenti, è probabile che sia pericolosa.

Quali sono le conseguenze delle crepe nei muri pericolose?

Le crepe pericolose possono avere gravi conseguenze, tra cui:

  • Danni all'edificio: Le crepe pericolose possono causare seri danni all'edificio, tra cui crolli parziali o totali.
  • Pericolo per le persone: Le crepe pericolose possono essere pericolose per le persone che abitano nell'edificio. Un crollo parziale o totale dell'edificio può causare gravi lesioni o, nei casi estremi, addirittura la morte.
  • Diminuzione del valore dell'immobile: Un edificio con crepe pericolose è soggetto ad una notevole riduzione del suo valore di mercato rispetto a un edificio in buone condizioni. Questo perché le crepe pericolose possono causare seri danni all'edificio e possono essere pericolose per le persone che lo abitano.

conseguenze delle crepe nei muri pericolose

Quali sono le possibili soluzioni per le crepe pericolose?

La soluzione alle crepe pericolose dipende dalla gravità del problema e dalla relativa causa scatenante. In alcuni casi, può essere sufficiente sigillare la crepa con idonei materiali (stucco o malta dedicata). Tuttavia, se la crepa è profonda o se è causata da un cedimento del terreno, si rende necessario eseguire un intervento più importante come:

  • Iniezioni di resine: Le iniezioni di resine consistono nell'iniettare resine liquide espandenti nel terreno al di sotto delle fondazioni al fine di consolidarlo. Scopri ValveSystem, il nostro innovativo sistema diiniezione resine epandenti per il consolidamento fondazioni.
  • Palificazione: La palificazione consiste nell'installare sulle fondazioni esistenti del fabbricato dei micropali in acciaio che sorreggano la struttura dell'edificio. Scopri PushSystem il nostro innovativo sistema con micropali per il consolidamento fondazioni.

Se pensi di avere una crepa pericolosa nel tuo muro, è importante contattare un professionista specializzato il prima possibile. Un professionista sarà infatti in grado di valutare la gravità della crepa e di consigliarti la soluzione migliore per il tuo caso.

micropali e iniezioni di resine espandenti per risolvere il problema delle crepe nei muri
Micropali e iniezioni di resine espandenti sono i due sistemi che vengono utilizzati per risolvere il problema delle crepe nei muri

Come prevenire la formazione di crepe nei muri?

Ci sono alcune cose che puoi fare per prevenire la formazione di crepe nei muri:

  • Assicurati che le fondazioni dell'edificio siano ben drenate. L'acqua stagnante intorno alle fondazioni può causare il cedimento del terreno.
  • Ripara prontamente le perdite d'acqua. Le perdite d'acqua possono causare danneggiamenti alle strutture e favorire la formazione di crepe.
  • Utilizza materiali di costruzione di buona qualità. I materiali da costruzione di scarsa qualità sono più soggetti a crepe.

Conclusione

Le crepe nei muri possono essere un segno di un problema serio, ma non sempre sono indicative di un pericolo imminente. È importante saper riconoscere le crepe pericolose e intervenire tempestivamente. Se si notano crepe sui muri della propria abitazione puoi richiedere un sopralluogo gratuito ai nostri ingegneri specializzati nella risoluzione di problematiche di cedimento in fondazione.

In questo modo si potrà valutare in modo oggettivo la gravità della situazione e individuare la soluzione migliore per risolvere definitivamente il problema.


Riparare le crepe nei muri è un'arte

Riparare le crepe nei muri è un'arte

Riparare le crepe nei muri è davvero un lavoro che va eseguito a regola d'arte con interventi di consolidamento fondazioni mirati. In alcuni casi però l'arte può prendere il sopravvento e se ti capiterà di imbatterti in un muro colorato dove le crepe sono state "riparate" con dei LEGO allora starai ammirando il progetto Dispatchwork dell'artista berlinese Jan Vormann.

Riparare le crepe nei muri
Riparare le crepe nei muri

Il progetto di riqualificazione urbana ha preso il via proprio in Italia quando l'artista si trovava a Bocchignano, un borgo in provincia di Rieti, una decina di anni fa. Il progetto è poi continuato nel tempo e ad oggi Jan Vormann ha realizzato delle riparazioni artistiche di crepe nei muri in 27 nazioni diverse, visibili attraverso la mappa interattiva sul sito dell'artista.

Riparare le crepe nei muri
Riparare le crepe nei muri

Jan Vormann descrive così il suo progetto per riparare le crepe nei muri: "A nessuno piace vivere in città noiose e grigie. Ma avete notato che i giocattoli per bambini sono spesso brillanti e colorati? Mi chiedo il perché, dato che in teoria anche loro vivono in città grigie e noiose come gli adulti. Io personalmente ho vissuto in molte città diverse. E Dispatchwork vuole ironizzare su questa serietà super-imposta dai nostri paesaggi cittadini".

In questo caso ovviamente l'obiettivo del progetto non è, come nel caso del consolidamento fondazioni, quello di stabilizzare la struttura, ma di renderla più luminosa stimolando il pensiero creativo delle persone.

Il movimento di persone che amano riparare le crepe nei muri si sta espandendo sempre di più, mattoncino dopo mattoncino, dando vita a scorci colorati in diversi città sparse in tutto il mondo.

Riparare le crepe nei muri
Riparare le crepe nei muri

Riparare le crepe nei muri è un lavoro che va fatto a regola d'arte

In alcune situazioni di cedimenti del terreno purtroppo i colorati mattoncini LEGO non possono ovviamente essere la giusta soluzione ma anche in questo bisogna riparare le crepe nei muri con un lavoro eseguito a regola d'arte. Esistono diverse cause che portano alla formazione delle crepe nei muri, sia imputabili all'intervento dell'uomo che a quello della natura.

In entrambi i casi è sempre importante valutare con tempestività il problema contattando un tecnico qualificato che possa monitorare le crepe nei muri  e decidere come intervenire per consolidare le fondazioni.

I metodi di consolidamento fondazioni più diffusi sono i Micropali Roto&Push e l'iniezione di resine espandenti con il sistema ValveSystem. Scopriamoli insieme.

Micropali Roto & Push

Micropali Roto&Push sono una soluzione innovativa e poco invasiva per risolvere i cedimenti in fondazione e riparare le crepe nei muri. L’impiego dei Micropali Roto&Push permette un appoggio di fondazione stabile e duraturo.

Sono dei micropali di fondazione modulari in acciaio S355 di provenienza certificata con accoppiamento filettato. Tutti i processi  di trasformazione della materia prima sono eseguiti presso Centri di Trasformazione autorizzati dal  Ministero competente, secondo quanto previsto dal D.M. 14 gennaio 2008 “Nuove Norme Tecniche per  le Costruzioni” relativamente all’impiego di acciaio per usi strutturali.

I moduli standard impiegati hanno una lunghezza di 1m e un diametro e spessore a partire da 76 e 8 mm.

Scopri di più sui Micropali Roto&Push

ValveSystem, iniezione di resine espandenti

ValveSystem è l’innovativo sistema di consolidamento fondazioni mediante iniezione di speciali formulati, sviluppato da DIFECH ponendosi i due seguenti obbiettivi:

  • ottenere una distribuzione uniforme ed omogenea del materiale nel volume di terreno interessato dal bulbo tensionale indotto dalla fondazione;
  • adottare in ogni condizione geotecnica il tipo di formulato più idoneo;

Il primo obbiettivo si è raggiunto attraverso l’impiego di canne di iniezione in PVC dotate di speciali valvole disposte ad interasse massimo di 50 cm, mentre il secondo attraverso la selezione di differenti formulati specificatamente sviluppati per impiego geotecnico.

Scopri di più su ValveSystem

Contattaci per un sopralluogo gratuito

    Utilizzando questo modulo accetti la conservazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web secondo le direttive del GDPR (Regolamento Europeo sulla Privacy, 679/2016)


    come monitorare le crepe nei muri

    Come monitorare le crepe nei muri

    Come monitorare le crepe nei muri

    Le crepe nei muri rappresentano un problema da prendere in seria considerazione. Le cause delle crepe possono essere di varia natura, come abbiamo visto nell'articolo sulle cause delle crepe nei muri,  ma in ogni caso è sempre bene contattare un professionista qualificato capace di valutare la reale pericolosità della fessurazione.

    La valutazione delle crepe nei muri da parte di un tecnico qualificato è un'attività ampiamente consigliata perché permette di evitare conseguenze ben più gravi, a partire dal deterioramento della struttura col conseguente ampliamento delle crepe fino ad arrivare, nei casi più gravi, al crollo della struttura. Inoltre contattando i nostri tecnici qualificati il sopralluogo è gratuito.

    Monitorare le crepe nei muri è un attività che può essere facilmente attuata da un tecnico attraverso appositi strumenti di misurazione, chiamati fessurimetri, che vengono applicati sul muro perpendicolarmente alla crepa.

    In tempi passati il monitoraggio veniva effettuato con dei semplici vetrini applicati perpendicolarmente alle crepe. Il funzionamento era molto semplice, nel caso di ampliamento della crepa, il vetrino si sarebbe rotto, segnalando la progressione del movimento.

    Monitorare le crepe e poi?

    Monitorare le crepe on permette però di risolvere il problema ma solo di valutarne l’eventuale sviluppo nel corso del tempo. Una volta che un tecnico avrà verificato il tipo di crepa potrà aiutarti a definire se si tratta di una crepa pericolosa oppure no (in questo articolo puoi trovare maggiori informazioni a riguardo: "Crepe nei muri, quando sono pericolose?").

    In generale possiamo distinguere due macrofamiglie di crepe quelle pericolose, dovute a cedimenti differenziali delle fondazioni, e quelle non pericolose e facilmente risolvibili dovute a problemi dell'intonaco.

    Come risolvere le crepe nei muri

    Esistono diversi metodi risolvere il problema delle crepe nei muri ma quelle più innovative, meno invasive e più sicure sono i Micropali e l'iniezione di resine espandenti.

    Gli interventi sono mirati e vengono collaudati con strumenti tecnici di precisione, come la tomografia sismica per l’iniezione di resine. Inoltre ogni intervento viene garantito per 10 anni e può beneficiare della detrazione fiscale al 50% per ristrutturazioni edilizie. Vediamoli nel dettaglio.

    Micropali PushSystem

    Micropali PushSystem sono una soluzione innovativa e poco invasiva per risolvere i cedimenti in fondazione. L’impiego dei Micropali PushSystem permette un appoggio di fondazione stabile e duraturo.

    Sono dei pali di fondazione modulari in acciaio S355 di provenienza certificata con accoppiamento filettato. Tutti i processi  di trasformazione della materia prima sono eseguiti presso Centri di Trasformazione autorizzati dal  Ministero competente, secondo quanto previsto dal D.M. 14 gennaio 2008 “Nuove Norme Tecniche per  le Costruzioni” relativamente all’impiego di acciaio per usi strutturali.

    I moduli standard impiegati hanno una lunghezza di 1m e un diametro e spessore a partire da 76 e 8 mm.

    Scopri di più sui Micropali PushSystem

    ValveSystem, iniezione di resine espandenti

    ValveSystem è l’innovativo sistema di consolidamento fondazioni mediante iniezione di speciali formulati, sviluppato da DIFECH ponendosi i due seguenti obbiettivi:

    • ottenere una distribuzione uniforme ed omogenea del materiale nel volume di terreno interessato dal bulbo tensionale indotto dalla fondazione;
    • adottare in ogni condizione geotecnica il tipo di formulato più idoneo;

    Il primo obbiettivo si è raggiunto attraverso l’impiego di canne di iniezione in PVC dotate di speciali valvole disposte ad interasse massimo di 50 cm, mentre il secondo attraverso la selezione di differenti formulati specificatamente sviluppati per impiego geotecnico.

    Scopri di più su ValveSystem


    Instabilità Meteo e Crepe nei Muri

    Instabilità Meteorologica e Crepe nei Muri

    Instabilità Meteorologica e Crepe nei Muri

    Durante la stagione primaverile il tempo può subire repentini cambiamenti presentando un andamento del tutto instabile. Quando si verificano variazioni importanti, passando da giorni con piogge intense a giorni di caldo e siccità, si verificano anche delle modificazioni nel terreno di fondazione portando alla possibile formazione delle crepe nei muri. Scopriamo insieme quali sono le condizioni alle quali prestare attenzione.

    Variazione di umidità nel terreno di fondazione e crepe nei muri

    Il clima si sta modificando e il fenomeno è sotto gli occhi di tutti: estati più instabili con picchi di calore alternati a giornate di piogge abbondanti. Queste condizioni determinano degli importanti cambiamenti nel sottosuolo dovuti alla presenza o meno dell'acqua.

    periodi di siccità prolungati, specie se accompagnati da alte temperature portano una notevole diminuzione del livello di umidità naturale nel terreno (contenuto igrometrico). Nei terreni argillosi questa diminuzione di volume determina la formazione di cavità nel sottosuolo che possono indebolire le fondazioni delle strutture.

    Le forti piogge e le conseguenti infiltrazioni d'acqua nel sottosuolo possono causare nei terreni di fondazione fenomeni quali, il rigonfiamento, la plasticizzazione oppure il dilavamento/erosione che si ripercuotono sull'equilibrio delle fondazioni delle strutture.

    Questa alternanza, specialmente se ravvicinata, sottopone il terreno di fondazione a continui movimenti che possono determinare dei cedimenti differenziali e la formazione delle crepe nei muri.

    Come risolvere il cedimento del terreno dovuto alle condizioni di instabilità

    Il problema può essere risolto in maniera rapida e poco invasiva grazie alle seguenti tecnologie innovative di consolidamento fondazioni:

    Questi sistemi presentano diversi vantaggi che permettono, rispetto alle tradizionali metodologie di intervento, un risparmio sul cantiere sia in termini economici che di durata, inoltre non viene effettuata nessuna asportazione di materiale.

    Gli interventi sono mirati e vengono collaudati con strumenti tecnici di precisione, come la tomografia sismica. Inoltre ogni intervento viene garantito per 10 anni e può beneficiare della detrazione fiscale al 50% per ristrutturazioni edilizie.

    Micropali PushSystem

    Micropali PushSystem sono una soluzione innovativa e poco invasiva per risolvere i cedimenti in fondazione. L’impiego dei Micropali PushSystem permette un appoggio di fondazione stabile e duraturo.

    Sono dei pali di fondazione modulari in acciaio S355 di provenienza certificata con accoppiamento filettato. Tutti i processi  di trasformazione della materia prima sono eseguiti presso Centri di Trasformazione autorizzati dal  Ministero competente, secondo quanto previsto dal D.M. 14 gennaio 2008 “Nuove Norme Tecniche per  le Costruzioni” relativamente all’impiego di acciaio per usi strutturali.

    I moduli standard impiegati hanno una lunghezza di 1m e un diametro e spessore a partire da 76 e 8 mm.

    Scopri di più sui PushSystem

    ValveSystem, iniezione di resine espandenti

    ValveSystem è l’innovativo sistema di consolidamento fondazioni mediante iniezione di speciali formulati, sviluppato da DIFECH ponendosi i due seguenti obbiettivi:

    • ottenere una distribuzione uniforme ed omogenea del materiale nel volume di terreno interessato dal bulbo tensionale indotto dalla fondazione;
    • adottare in ogni condizione geotecnica il tipo di formulato più idoneo;

    Il primo obbiettivo si è raggiunto attraverso l’impiego di canne di iniezione in PVC dotate di speciali valvole disposte ad interasse massimo di 50 cm, mentre il secondo attraverso la selezione di differenti formulati specificatamente sviluppati per impiego geotecnico.

    Scopri di più su ValveSystem

     


    siccità e crepe nei muri, ecco perché sono pericolose - Caldo crepe nei muri

    Siccità e Crepe nei Muri, i Rischi Aumentano

    Siccità e Crepe nei Muri, i Rischi Aumentano

    Durante l'estate il caldo la fa da padrone in tutta la penisola con temperatura elevate che seccano i terreni. Queste condizioni meteorologiche hanno purtroppo un impatto negativo sui terreni di fondazione che possono subire delle variazioni e provocare dei cedimenti differenziali con la conseguente formazione delle crepe nei muri. Vediamo insieme cosa succede al terreno quando si verificano queste condizioni.

    La siccità e le crepe

    periodi di siccità prolungati, specie se accompagnati da alte temperature, causano forti abbassamenti di falda e comunque, anche in assenza di questa, una notevole diminuzione del livello di umidità naturale nel terreno (contenuto igrometrico).

    Nei terreni argillosi ciò causa un forte ritiro (diminuzione di volume) con conseguente creazione di vuoti e detensionamento. Il fenomeno è specialmente sentito nei primi metri di profondità a partire dal piano campagna dove l'effetto di traspirazione del terreno si amplifica anche per effetto dell'irragiamento solare.

    Se la fondazione è impostata a quote superficiali, ad esempio non oltre 1 m di profondità, poiché l'essiccazione a seguito di periodi siccitosi prolungati può arrivare a interessare volumi di terreno fino a 2-3 m di profondità, ecco che la fondazione subisce un cedimento a seguito del ritiro del terreno sottostante.

    Le piante ad alto fusto e le crepe

    A peggiorare la situazione può essere la presenza di piante d'alto fusto nelle vicinanze degli edifici che con i loro apparati radicali possono andare ad interagire con i terreni sottostanti le fondazioni captando acqua (che sotto gli edifici tende a mantenersi più a lungo) e quindi accentuando l'essiccazione.

    Tutto ciò causa cedimenti differenziali solitamente a carico del solo perimetro degli edifici. La parte interna degli edifici è ovviamente maggiormente preservata dall'essiccazione ed è più raro che vi siano cedimenti.

    Altro fattore che può contribuire all'essicazione è la presenza di pozzi per uso irriguo che captano acqua su livelli superficiali nelle vicinanze degli edifici. In tal caso i cedimenti differenziali possono estendersi anche alla parte interna degli edifici.

    Come risolvere il cedimento del terreno dovuto alla siccità

    Il problema può essere risolto in maniera rapida e poco invasiva grazie alle seguenti tecnologie innovative di consolidamento fondazioni:

    Questi sistemi presentano diversi vantaggi che permettono, rispetto alle tradizionali metodologie di intervento, un risparmio sul cantiere sia in termini economici che di durata, inoltre non viene effettuata nessun asportazione di materiale.

    Gli interventi sono mirati e vengono collaudati con strumenti tecnici di precisione, come la tomografia sismica. Inoltre ogni intervento viene garantito per 10 anni e può beneficiare della detrazione fiscale al 50% per ristrutturazioni edilizie.

    ValveSystem, iniezione di resine espandenti

    ValveSystem è l’innovativo sistema di consolidamento fondazioni mediante iniezione di speciali formulati, sviluppato da DIFECH ponendosi i due seguenti obbiettivi:

    • ottenere una distribuzione uniforme ed omogenea del materiale nel volume di terreno interessato dal bulbo tensionale indotto dalla fondazione;
    • adottare in ogni condizione geotecnica il tipo di formulato più idoneo;

    Il primo obbiettivo si è raggiunto attraverso l’impiego di canne di iniezione in PVC dotate di speciali valvole disposte ad interasse massimo di 50 cm, mentre il secondo attraverso la selezione di differenti formulati specificatamente sviluppati per impiego geotecnico.

    Scopri di più su ValveSystem

    Micropali Roto & Push

    Micropali Roto&Push sono una soluzione innovativa e poco invasiva per risolvere i cedimenti in fondazione. L’impiego dei Micropali Roto&Push permette un appoggio di fondazione stabile e duraturo.

    Sono dei pali di fondazione modulari in acciaio S355 di provenienza certificata con accoppiamento filettato. Tutti i processi  di trasformazione della materia prima sono eseguiti presso Centri di Trasformazione autorizzati dal  Ministero competente, secondo quanto previsto dal D.M. 14 gennaio 2008 “Nuove Norme Tecniche per  le Costruzioni” relativamente all’impiego di acciaio per usi strutturali.

    I moduli standard impiegati hanno una lunghezza di 1m e un diametro e spessore a partire da 76 e 8 mm.

    Scopri di più sui Micropali Roto&Push

    Contattaci per un sopralluogo gratuito

      Utilizzando questo modulo accetti la conservazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web secondo le direttive del GDPR (Regolamento Europeo sulla Privacy, 679/2016)

       


      Cause delle Crepe nei Muri

      Le Cause delle Crepe nei Muri - Come e Perché si Formano le Crepe

      Quali sono le Cause delle Crepe nei Muri

      Le principali cause delle crepe nei muri

      Ci sono diverse cause che possono concorrere alla formazione delle crepe nei muri, ma tutte sono legate a problematiche o eventi che si verificano nel terreno di fondazione modificandone così la capacità di portata.

      Gli interventi dell’uomo e gli eventi naturali sono le principali cause delle crepe nei muri quando agiscono sul terreno di fondazione e ne modificano l’equilibrio strutturale. A volte le due cause possono verificarsi insieme come è successo nel caso del cedimento di una strada a Roma.

      Interventi dell’uomo

      I cantieri edili che prevedono scavi profondi realizzati vicino alle fondazioni degli edifici sono i principali indiziati nella formazione di crepe nei muri perché possono creare squilibri nel sottosuolo.

      La conseguente alterazione nel terreno può comportare un cedimento delle fondazioni e diventare la causa delle crepe nei muri.

      Le variazioni di assetto delle falde acquifere possono essere un’altra causa di cedimenti. Ad esempio, quando le falde vengono sfruttate eccessivamente il contenuto d’acqua nel terreno diminuisce in modo significativo determinando un detensionamento che in alcuni casi può provocare un cedimento del terreno di fondazione, quindi delle sovrastrutture.

      L’acqua può essere causa delle crepe nei muri anche quando viene sversata accidentalmente nel terreno in seguito alla rottura di una tubazione interrata. Nel caso si tratti di condotte in pressione oppure si sia in presenza di terreni particolarmente permeabili, grazie alla sua forza erosiva, l’acqua può creare vere e proprie voragini che possono provocare il cedimento del terreno di fondazione e la conseguente fessurazione dei muri. In altri casi lo sversamento d’acqua può determinare lo scadimento delle caratteristiche di resistenza del terreno di fondazione con il medesimo risultato.

      Il posizionamento degli edifici vicino a strade molto trafficate o ferrovie è un’altra delle cause delle crepe nei muri perché le vibrazioni indotte vanno a sollecitare il terreno potendo causare un suo assestamento e, quindi, il cedimento delle fondazioni.

      A chi rivolgersi per riparare le crepe dovute all’intervento dell’uomo?

      Se hai notato delle crepe nei muri pericolose puoi contattare i TECNICI QUALIFICATI DI DIFECH per una consulenza e un sopralluogo gratuito.

      Così potrai mettere in sicurezza la tua casa e la tua famiglia.

      Cause Naturali

      Ci sono diversi eventi naturali che possono essere la causa delle crepe nei muri e l’acqua è spesso l’elemento più coinvolto nei processi di cedimento del terreno di fondazione.

      La variazione del contenuto d’acqua nel sottosuolo è un fattore che determina delle importanti variazioni nell’equilibro del terreno.

      Durante le estati molto calde si verifica una diminuzione importante del contenuto d’acqua nel terreno che va seccandosi specie nei primi metri di profondità. Nei terreni argillosi, per effetto del conseguente ritiro, possono così prodursi delle vere e proprie cavità fino a profondità superiori a quelle su cui sono normalmente impostate le fondazioni degli edifici. Questo fatto provoca frequentemente il cedimento delle fondazioni e la successiva comparsa delle crepe nei muri.

      Una forte alternanza di periodi piovosi e siccitosi provoca delle continue modificazioni nell’equilibrio del suolo fino ad arrivare a compromettere le strutture di fondazione portandole oltre il limite della loro capacità portante. Le crepe nei muri sono il segnale evidente dell’evoluzione di questi fenomeni.

      Senza ombra di dubbio il periodo più pericoloso per la formazione delle crepe è il periodo estivo, specialmente se caratterizzato da lunghi periodi di siccità con alte temperature. Come abbiamo visto, in queste condizioni il terreno argilloso perde molta acqua ritirandosi e le fondazioni possono cedere.

      A chi rivolgersi per riparare le crepe formate da eventi naturali?

      Se hai notato delle crepe nei muri pericolose puoi contattare i tecnici qualificati di Difech per una consulenza e un sopralluogo gratuito.

      Così potrai mettere in sicurezza la tua casa e la tua famiglia.

      Come ripristinare le crepe nei muri

      Per risolvere il problema delle crepe nei muri bisogna sempre contattare un professionista qualificato che possa analizzare la situazione e intervenire con le giuste tecnologie, il fai da te in questi casi può portare a conseguenze davvero molto pericolose.

      I metodi più innovativi consentono di effettuare interventi mirati, risolutivi e poco invasivi grazie anche alla durata limitata del cantiere.

      I metodi più utilizzati per il consolidamento fondazioni sono i micropali Roto&Push e l’iniezione di resine espandenti con la tecnologia ValveSystem.

      Micropali PushSystem

      I Micropali PushSystem sono una soluzione innovativa e poco invasiva per risolvere i cedimenti in fondazione. L’impiego dei Micropali PushSystem permette un appoggio di fondazione stabile e duraturo.

      Sono dei pali di fondazione modulari in acciaio S355 di provenienza certificata con accoppiamento filettato. Tutti i processi  di trasformazione della materia prima sono eseguiti presso Centri di Trasformazione autorizzati dal  Ministero competente, secondo quanto previsto dal D.M. 14 gennaio 2008 “Nuove Norme Tecniche per  le Costruzioni” relativamente all’impiego di acciaio per usi strutturali.

      I moduli standard impiegati hanno una lunghezza di 1m e un diametro e spessore a partire da 76 e 8 mm.

      Scopri di più sui Micropali PushSystem

      ValveSystem

      valvesystem iniezioni di resine espandenti per consolidamento terreni di fondazione

      ValveSystem è l’innovativo sistema di consolidamento fondazioni mediante iniezione di speciali formulati, sviluppato da DIFECH ponendosi i due seguenti obbiettivi:

      • ottenere una distribuzione uniforme ed omogenea del materiale nel volume di terreno interessato dal bulbo tensionale indotto dalla fondazione;
      • adottare in ogni condizione geotecnica il tipo di formulato più idoneo;

      Il primo obbiettivo si è raggiunto attraverso l’impiego di canne di iniezione in PVC dotate di speciali valvole disposte ad interasse massimo di 50 cm, mentre il secondo attraverso la selezione di differenti formulati specificatamente sviluppati per impiego geotecnico.

      Scopri di più su ValveSystem


      Crepe nei muri pericolose

      Crepe nei Muri: Quando sono Pericolose?

      Crepe nei Muri: Quando sono Pericolose?

      Come Valutare le Crepe nei Muri

      La valutazione delle crepe nei muri è molto importante per individuare subito la corretta tipologia di intervento. Alcune crepe nei muri infatti non sono pericolose e non presentano particolari difficoltà di ripristino. Le crepe nei muri pericolose invece devono essere valutate tempestivamente e riparate in tempi brevi per non compromettere la stabilità strutturale dell’edificio. Vediamo insieme quali sono le differenze fra le crepe nei muri superficiali e le crepe ne muri pericolose.

      Crepe nei Muri Pericolose

      Le crepe nei muri pericolose per la stabilità dell’edificio sono quelle di natura strutturale che interessano la muratura.

      Questo tipo di fessurazioni molto spesso sono causate dal cedimento delle fondazioni e possono compromettere la stabilità della struttura.

      In questi casi non bisogna perdere tempo e la soluzione obbligata è quella di rivolgersi a tecnici esperti che possano eseguire una valutazione qualificata.

      A chi rivolgersi per riparare le crepe pericolose?

      Se hai notato delle crepe nei muri pericolose puoi contattare i tecnici qualificati di Difech per una consulenza e un sopralluogo gratuito.

      Così potrai mettere in sicurezza la tua casa e la tua famiglia.

      Crepe nei Muri Superficiali

      La maggior parte delle crepe nei muri sono superficiali e non rappresentano un pericolo per l’edificio, ma derivano semplicemente dal deterioramento dell’intonaco.

      Il deterioramento dell’intonaco può essere dovuto ad esempio ad una scorretta realizzazione iniziale oppure a perdite di condutture sotto traccia presenti nelle murature.

      In questi casi non si tratterà di nulla di preoccupante da un punto di vista della sicurezza.

      A chi rivolgersi per riparare le crepe superficiali?

      In questi casi per risolvere il problema sarà sufficiente rivolgersi ad un bravo artigiano che sappia ripristinare l’intonaco.

      Come si formano le crepe nei muri

      Le crepe pericolose sugli edifici possono formarsi per diversi motivi ma le cause principali sono legate all’intervento dell’uomo o a fattori naturali.

      lavori di edilizia che prevedono scavi profondi in prossimità delle fondazioni possono causare una modificazione dell’equilibrio nel suolo, provocando il cedimento delle fondazioni e la conseguente formazione di crepe nei muri.

      Le cause naturali invece sono principalmente le variazione di contenuto d’acqua  nel terreno ovvero sversamenti accidentali protrattisi nel tempo, ad esempio a seguito di perdite di condutture interrate, con conseguente  peggioramento delle caratteristiche fisico-meccaniche del terreno e  cedimento delle fondazioni. Ad esempio l’abbassamento delle falde acquifere durante i mesi di grande siccità può causare un cedimento delle fondazioni e la successiva formazione di crepe nei muri dell’edificio.

      Le piante ad alto fusto infine, quando sorgono vicino all’edificio, possono anch’esse provocare delle modificazioni nel contenuto naturale d’acqua nel terreno poiché il loro apparato radicale assorbe l’acqua in grandi quantità (suzione) nel periodo primaverile ed estivo causando il cedimento differenziale della fondazione  con successiva formazione di crepe.

      Come ripristinare le crepe nei muri

      Per risolvere il problema delle crepe nei muri bisogna sempre contattare un professionista qualificato che posso analizzare la situazione e intervenire con le giuste tecnologie, il fai da te in questi casi può portare a conseguenze davvero molto pericolose.

      I metodi più innovativi consentono di effettuare interventi miratirisolutivi e poco invasivi grazie anche alla durata limitata del cantiere, come nel caso delle iniezioni di resine e dei micropali.

      I metodi più utilizzati per il consolidamento fondazioni sono i micropali PushSystem e l’iniezione di resine espandenti con la tecnologia ValveSystem.

      Micropali PushSystem

      I Micropali PushSystem sono una soluzione innovativa e poco invasiva per risolvere i cedimenti in fondazione. L’impiego dei Micropali PushSystem permette un appoggio di fondazione stabile e duraturo.

      Sono dei pali di fondazione modulari in acciaio S355 di provenienza certificata con accoppiamento filettato. Tutti i processi  di trasformazione della materia prima sono eseguiti presso Centri di Trasformazione autorizzati dal  Ministero competente, secondo quanto previsto dal D.M. 14 gennaio 2008 “Nuove Norme Tecniche per  le Costruzioni” relativamente all’impiego di acciaio per usi strutturali.

      I moduli standard impiegati hanno una lunghezza di 1m e un diametro e spessore a partire da 76 e 8 mm.

      Scopri di più sui Micropali PushSystem

      ValveSystem

      valvesystem iniezioni di resine espandenti per consolidamento terreni di fondazione

      ValveSystem è l’innovativo sistema di consolidamento fondazioni mediante iniezione di speciali formulati, sviluppato da DIFECH ponendosi i due seguenti obbiettivi:

      • ottenere una distribuzione uniforme ed omogenea del materiale nel volume di terreno interessato dal bulbo tensionale indotto dalla fondazione;
      • adottare in ogni condizione geotecnica il tipo di formulato più idoneo;

      Il primo obbiettivo si è raggiunto attraverso l’impiego di canne di iniezione in PVC dotate di speciali valvole disposte ad interasse massimo di 50 cm, mentre il secondo attraverso la selezione di differenti formulati specificatamente sviluppati per impiego geotecnico.

      Scopri di più su ValveSystem